Dasha Tolstikova vive a Brooklyn. Ha frequentato la VSA (Visual Schhol of Art) a New York.
Disegna da sempre, è cresciuta fra artisti, e dopo aver pubblicato disegni per il New York Times e qualche copertina ha trovato il modo di pubblicare la sua tesi di laurea con Groundwood. 
A Year Without Mom è un picture book e graphic novel, un diario autobiografico di un anno della dodicenne Dasha. Siamo a Mosca all’epoca della sconfitta di Gorbacev. Il padre di Dasha è in America da un po’ di tempo e la madre sta per andarci. Lei resterà a Mosca con i nonni. Un anno di cambiamenti, di lezioni d’arte, di letture. Un Natale a Monaco, qualche problema con la scuola, la scoperta della Nutella… le amiche e un anno che se ne va veloce. La mamma torna, la viene a prendere per portarsela in America. Atterra a Chicago e per raggiungere casa, a Urbana, sono due ore di macchina attraverso campi di mais. Dell’America conosce Via col vento, ma in realtà si capisce che ha letto anche Salinger. La giovane Dasha, ospitata da Julie nel suo blog nel 2013, appena laureata, dichiara quali sono i suoi riferimenti per il disegno: Isabelle Arsenault, Beatrice Alemagna, Laura Carlin. Dai disegni  più recenti che si possono vedere sul suo blog mi sento di dire che arriverà lontano…
Una bella tesi di laurea, già tradotta in altri paesi.

Grazia Gotti