Si chiude il master dell’Accademia Drosselmeier con il modulo dedicato alla divulgazione scientifica. Preparando la bibliografia mi soffermo su un piccolo libro brasiliano, pubblicato da White Baloon. Il piccolo albo ha per protagonista un bambino che gioca con uno strumento elettronico mentre accanto a lui un adulto lavora con gli strumenti del carpentiere. 

Co-protagonista della storia (Silent Book) è un metro, di quelli da carpentiere che si raccolgono in decimetri e si snodano fino ad assumere le forme più diverse. Un piccolo capolavoro, utile più che mai al tema della non fiction che intendiamo affrontare. E ci faremo una domanda finale: perché l’editoria italiana ha così poca propensione a progettare la non fiction?

Intanto esploriamo il mondo di Bruna Barros, nata nel 1988 in una piccola città di Minas Gerais, studentessa di Interior Design a Belo Horizonte, viaggiatrice, attualmente a Venezia per studiare Arti Grafiche. Molto interessante il suo lavoro, dal libro sulle cinque dita, all’alfabetiere prodotto in coppia con Mairia Tula.

Grazia Gotti