Una vita di libri

E’ nata nel 1927 ed è la più popolare autrice / illustratrice inglese per bambini.
Abita a Notting Hill ed è facile trovarla in Holland Park. Ha raccontato minuziosamente la vita di Alfie e di sua sorella Anne Rose, bambini che negli anni settanta vivevano ad Hammersmith, in una delle tante case allineate, con un quadrato di giardino alle spalle.

I bambini uscivano dalla città per andare in campagna dai nonni, o al mare. A scuola avevano amici dalla pelle scura e dagli occhi a mandorla. Ora, le nuove storie che scrive per la figlia, pure lei illustratrice, è costretta ad ambientarle in piccoli appartamenti, perchè quelle case sono diventate proibitive per i più.
Shirley è diventata mamma per tre volte; suo figlio maschio è giornalista, inviato di guerra e corrispondente da Roma per il Guardian.

I suoi libri per bambini hanno allietato innumerevoli pomeriggi della mia vita alla metà degli anni Novanta.
Fra i suoi colori, le sue atmosfere, le sue piccole avventure, sono cadute le briciole dei biscotti delle merende, mentre tutto si impastava di una dolcezza struggente.
Lo scorso anno è uscito Bye Bye Birdie, una graphic novel per adulti (che non conosco).
Grazia Gotti