Sta arrivando, solo qualche giorno…

Sarà finalmente in libreria, in questi giorni, se le indicazioni non sono sbagliate, uno dei romanzi per ragazzi che amerete di più e che vi coinvolgerà a tal punto da lasciare qualsiasi altra mansione per dedicarvici completamente fino all’ultima pagina (durante le ultime festività la mia asocialità è acuita a causa sua!).
Ho per vie traverse avuto l’occasione di leggerlo in anteprima grazie alla mia faccia tosta e alla gentilezza di un rappresentante padovano che mi ha passato la sua copia.
Non vi lascio più sulle spine (non so se ci sono riuscito! le mie doti letterarie vanno sicuramente migliorare in fatto di suspence!), il romanzo di cui sto parlando è quello di una esordiente neozelandese, Jacqueline Kelly, che con un inizio del genere, promette molto bene (ha vinto il Newbury Award l’anno scorso).
Il romanzo è L’evoluzione di Calpurnia, edizioni Salani. Già il titolo odora di prati, stagni, animali e piante, di teorie scientifiche, di esperimenti e ricerche.
Lei è Calpurnia Virginia Tate, un nome altisonante che si saprà trovare un posto d’onore tra quelli di Alice Liddell, Mary Lennox, Anna Shirley o le più contemporanee Sally Lockhart, Mary Newbury o Melisenda figlia di Messer Rufo.
La storia dovete leggerla e poi mi direte!
David Tolin