Rodari

“Il Sole 24 ore “, serioso quotidiano degli industriali, ha adottato Gianni Rodari per tutta l’estate e lo presenta in edicola, di settimana in settimana. Mentre rileggo Gli affari del signor gatto, ripubblicato da Einaudi Ragazzi nella collana “La biblioteca di Gianni Rodari” illustrato da Elena Temporin, penso se il grande Gianni avesse mai potuto immaginare di essere accolto fra le pagine dei commendatori.
“Un commerciante, – pensò, – non è proprio un commendatore, ma quasi. E poi a me i commendatori non piacciono, perchè di solito sono sposati.” E’ la voce della cassiera, una gattina al primo impiego della ditta del Signor gatto che vuole avviare una vendita di topi in scatola. Esilarante racconto che dà il titolo alla raccolta antologica sui gatti, Gli affari del signor gatto, è un mirabile esempio di scrittura rodariana, pubblicato nel 1972 come volumetto n. 4 della serie “Tantibambini”.
Fra le rime e gli altri racconti raccolti nel volume i gatti sono protagonisti.
Singolare Un bambino al guinzaglio, una poesia senza rima che ci ricorda che i bambini sono stati davvero tenuti al guinzaglio.

Ho visto un bambino
al guinzaglio
come un piccolo cane.
Un gatto lo guardava
meravigliato
agitando la coda
come una bandiera
di libertà.

Grazia Gotti