Rita come Eloise

Eloise, la splendida eroina di Hilary Knight e Kay Thompson ha da qualche anno una discendente d’oltralpe: Rita con il suo bizzarro compagno Machin.
Tra le varie avventure della storica abitante del hotel newyorkese piú famoso al mondo, il Plaza, oltre al viaggio in Russia (mai edito in Italia), vi è quello nella capitale francese.
Insieme ai suoi inseparabili compagni, un piccione, un carlino e una tartaruga, oltre che dell’immancabile tata, la più tollerante della letteratura per ragazzi, Eloise scorazza per le vie di Parigi.

Tra un croissant e l’altro, tra le pseudo lezioni di francese e le passeggiate in città ritroviamo anche in questo racconto l’inesauribile verve dell’indimenticabile ragazzina, edita in Italia per i tipi della Piemme.
In Rita et Machin à Paris, uscito nel 2009 per la Gallimard Jeunesse, non ancora arrivato in Italia, scopriamo una ragazzina alta “tre mele” che, davanti ai due genitori addormentatisi dopo il lungo viaggio, non teme di uscire in compagnia del suo cane per scoprire la città.
Scritto da Jean-Michel Arroud-Vignod, il personaggio è disegnato da Olivier Tallec, che abbandonati i suoi straordinari acrilici, utilizza le infinite sfumature di grigio della grafite e alcune piccole macchie rosse per evidenziare i due protagonisti.

Dopo un po’ di sci nautico sulla Senna, qualche foto ricordo davanti alla torre Eiffel, una puntata a Montmatre per un veloce ritratto e un po’ di salutare shopping, Rita e Machin possono dire di conoscere bene la città e i suoi abitanti… ai quali si accodano in uno degli ennesimi scioperi. Per chi volesse seguire le orme dei nostri due infaticabili turisti, gli autori forniscono anche una dettagliata mappa della ville.
David Tolin