“Scrivere è in un certo senso propaganda. Matilde, per esempio, è una smaccata propaganda per la lettura”. Così Roald Dahl parla della protagonista del suo libro, un evergreen che tutti dovrebbero avere letto, un libro che vide la luce nel lontano 1988, e che, in poco tempo, fece il giro del mondo.
E Matilde ci è parso il libro giusto per annunciare 
Amo chi legge…e gli regalo un libro“: la campagna nazionale di promozione del libro e della lettura a sostegno delle Biblioteche Scolastiche e Pubbliche che prende avvio il 23 aprile, giornata mondiale del libro e del diritto d’autore.
L’iniziativa nasce dal progetto, promosso da Sinnos, “I libri? Spediamoli a scuola!” che AIE ha deciso di sposare e assorbire, iniziativa che, come Libreria per Ragazzi Giannino Stoppani, promuoviamo e sosteniamo.

Il 23 aprile (fino al 23 maggio, e poi, se vorrete, tutti i giorni dell’anno) invitiamo la società civile ad entrare in libreria ad acquistare assegni e a diventare azionista di una biblioteca scolastica o pubblica.
Ad oggi, dell’azionariato popolare, promosso tra amici, imprenditori e fruitori della libreria, hanno beneficiato le biblioteche scolastiche delle scuole bolognesi:
Scuola Primaria Dino Romagnoli
Scuola Primaria Longhena
Scuola Primaria Scandellara
Istituto Santa Giuliana
Scuola Primaria Drusiani
Scuola Primaria Jean Piaget
“ Papà, mi compreresti un libro?”
“ Un libro, e per che cavolo farci?
“ Per leggerlo”.
“ Diavolo, ma cosa non va con la tele? Abbiamo una stupenda tele ventiquattro pollici e vieni a   chiedermi un libro! Sei viziata, ragazza mia!” 
   Roald Dahl, Matilde, Salani, 1995
Silvana Sola