Il tour bolognese di Tallec è stato breve ma intenso. I ragazzi del Liceo Artistico Francesco Arcangeli di Bologna sono molto soddisfatti delle due ore che l’artista francese ha dedicato loro. Con Olivier l’intesa è immediata: bastano pochi accenni ai suoi libri perchè l’attenzione sia subito concentrata sui contenuti. Parla inglese, dunque rapidamente mi complimento per la sua ultima opera, Waterloo & Trafalgar pubblicata da Père Castor.

Un personalissimo lavoro di cui Olivier si prende totalmente cura, dal concept alla grafica. Ha lavorato anche per Djeco, la casa francese dei giochi. Allora presto usciamo dalla libreria e andiamo da Hoffmann. È ammirato dall’architettura e dalla proposta. Anche lui è d’accordo nel considerare i giochi e i giocattoli alla stregua dei libri, dei fumetti, dei disegni animati, delle canzoni, in una parola dei prodotti culturali.

Nel tardo pomeriggio siamo tutti alla Alliance Française per la mostra alla cui realizzazione David ha collaborato. Il pubblico apprezza moltissimo e si fa dedicare tanti libri, italiani e francesi. Quelli italiani sono pubblicati da Lapis e Kite. 
Grazia Gotti