E’ morto Pierre Hadot, l’autore di tanti libri di filosofia utili anche a chi non compia studi sistematici.
Il lettore comune può affrontare Gli esercizi spirituali o il recente volume einaudiano Che cosa è la filosofia antica senza difficoltà, entrare in contatto con i nostri antenati greci e familiarizzare con le domande dell’esistenza. Anche i libri per ragazzi, nell’ultimo decennio, hanno guardato alla filosofia come un terreno fertile per la semina, soprattutto in Francia, dove editori importanti come Milan e Nathan hanno prodotto collane di grande successo. Quella di Milan fu subito intercettata da Ape e con ben quattordici titoli “Piccoli filosofi” ha suscitato interesse e sollevato dibattito. Giunti editore ha invece sposato il progetto Nathan e con la collana “Piccole e grandi domande” siamo ora a sei titoli. L’editor di Nathan che ha lavorato alla collana è anche curatrice della trilogia di Brenifier, pubblicata in Italia da ISBN.

Noi ci siamo un po’ fermati, perché? Tentando di formulare una provvisoria risposta penso alla difficoltà di diffusione della filosofia pratica in un Paese povero di biblioteche, i principali punti di incontro per i gruppi di dialogo, ad una scuola malridotta che non ha un euro per comprare queste belle e utili collane.
Le giovani insegnanti appena entrate nella scuola elementare hanno quasi tutte un’aria spaurita, sembrano non capire dove si trovano. Ne vedo molte e, soprattutto, mi informano le colleghe di un tempo.
Non ho mai potuto insegnare religione per via della mia situazione di coppia di fatto, e, invece, mi sarebbe piaciuto raccontare le vite di Gesù, del Budda, di Maometto, leggere la Bibbia, il Corano, scoprire insieme ai ragazzi i pensieri indiani. I miei corsi di “materia alternativa” alla religione erano molto seguiti.

Se avessi avuto a disposizione queste belle collane lo sarebbero stati ancor di più. E’ ancora in essere la norma che consente di acquistare libri con le cedole librarie per i libri di testo? Non si vedono più maestre in libreria a compilare diligentemente e appassionatamente lunghi elenchi…
Grazia Gotti