“Mentre le sue forbici correvano sul foglio, fantasticò su come deve sentirsi un uccello quando vola.
E mentre ritagliava, Matisse si sentì come se anche lui stesse volando.”
Da una narrazione semplice e immaginifica dell’ultimo periodo creativo di Matisse, quello dei collages, nasce un albo illustrato che è da subito uno strumento perfetto per parlare di arte ai bambini, attraverso il medium della tecnica utilizzata dal grande maestro. Niente di meglio per proporre quale stimolo per il fare, anche per i più piccoli: l’esercizio del ritagliare forme colorate, magari seguendo proprio l’esempio di Matisse nel gioco dell’associazione di semplici sagome colorate, fino alla realizzazione di alcune composizioni molto complesse. Ecco svelato il mistero di come, da un ritaglio di carta bianca, può nascere davvero di tutto, anche un meraviglioso giardino.
Domenica 31 gennaio alla Libreria per ragazzi Giannino Stoppani, Elena Baboni cura un laboratorio dedicato a Il giardino di Matisse di Samantha Friedman, illustrato da Cristina Amedeo ed edito da Fatatrac. Scarica qui l’invito.

La redazione Zazienews