Ho conosciuto Patrizia Rinaldi nel 2006 quando le veniva assegnato, dal Comune di Casalecchio di Reno, il premio Pippi, categoria inediti. Bella la lingua, bello il modo di dialogare con pubblico.
Napoletana, laurea in filosofia e specializzazione in scrittura teatrale, organizza percorsi di lettura e scrittura con i ragazzi.  Premio Elsa Morante nel 2010, ha collaborato a progetti didattici  presso l’Istituto Penale Minorile di Nisida.
Mare giallo, il suo ultimo romanzo rivolto ai ragazzi, uscito per i tipi di Sinnos Editrice, ci riporta a Napoli, una Napoli conosciuta e amata, offerta ai giovani lettori come un magico luogo di scoperta.
Hui, cinese di nascita e napoletano d’adozione, Thomas inglese, figlio di un armatore, e Caterina, selvatica e intraprendente, refrattaria all’uso delle scarpe, sono i protagonisti di un romanzo giallo che li vede indossare le vesti di provetti investigatori,  per risolvere complicati misteri.
Tra circoli nautici, bui cunicoli, pareti di tufo da scalare, porte d’acciao da aprire e numeri da rimettere in ordine, i tre ragazzi riescono a dipanare intricate vicende che raccontano di azioni criminali, di spiriti e illegalità.
Federico Appel, illustratore e autore romano, firma le figure che si muovono tra le pagine. Il libro utilizza il font “leggimi”, carattere speciale ad alta leggibilità.
In aggiunta un altro consiglio per l’estate: Patrizia Rinaldi, Tre, numero imperfetto, edizioni e/o.  Giallo denso per adulti amanti del genere.
Silvana Sola