Nel 2000, in occasione di Bologna Capitale della Cultura, dedicammo una grande mostra agli alfabeti. A distanza di dodici anni proponiamo una nuova riflessione sulle lettere. Non siamo sole su questo cammino, ma in compagnia di artisti e di facitori di libri.

Alessandro Sanna è il primo compagno di strada con il suo alfabetiere delle boccacce. Dopo i segni, le parole, le magiche parole che risuonano nella rima delle filastrocche d’autore.

Ed ancora nuovi alfabetieri, perché la ricerca non ha fine e riguarda i giovani: illustratori e progettisti grafici che sapranno imprimere il loro stile alle lettere del presente e del futuro, un futuro che ci piace immaginare più colto, capace di portare il lavoro degli illustratori e progettisti sulle pareti grigie di molti edifici scolastici.

[metaslider id=”11925″]