Un ottimo sodalizio tra penna e pennello è capace di creare risultati sorprendenti.
L’incontro tra la scrittura di Roberto Piumini e gli acquerelli di Alessandro Sanna per il libro Le metamorfosi. Storie di Mitologia, in catalogo per Mondadori, è espressione di quel sodalizio.
Il libro è un’antologia di trasformazioni che ci riportano ad Ovidio, a dieci storie dentro lo straordinario mondo del mito.
Un viaggio accompagnati da due ragazzini, cugini, amici, Andre e Galatea, che nei loro percorsi avventurosi si ritrovano dentro ad una grotta segreta, meravigliosamente affrescata. 
Una grotta  che offre ai due giovani esploratori la possibilità di vedere raffigurate affascinanti scene mitologiche.
Il corpo di Dafne che si trasforma in pianta d’alloro accanto ad un Re Mida avido di oro al quale crescono le orecchie d’asino, le membra di Scilla contorte diventano mostruosità per volontà della maga Circe, e poi Atalanta, Driope e Alcmena e molti altri
Un libro da leggere e guardare, una storia nella storia con un interessante epilogo:
“Al signor Presidente, o Direttore, dell’Unesco
Palazzo delle Nazioni Unite, New York
Stati Uniti d’America
Gentile signore,
siamo una ragazza e un ragazzo, anche cugini, e le scriviamo sperando che possa aiutarci.
Abbiamo scoperto una grotta, vicino al nostro paese, in Grecia. Non le diciamo per ora il nome del paese, e neanche i nostri, per motivi che fra poco spiegheremo.
Per la verità a scoprire la grotta è stato il gatto Kalos, che adesso è scomparso, ma questo non c’entra.
Dentro la grotta, che nessuno conosce tranne noi ( e il gatto) ci sono dieci scene figurate, tutte colorate, bellissime, che rappresentano le storie della mitologia… “
Silvana Sola