La storia della letteratura per l’infanzia

L’anno accademico 2016-2017 dell’Accademia Drosselmeier vedrà un approfondimento della storia della letteratura italiana per l’infanzia. Si leggeranno testi di autori del passato accanto a romanzi contemporanei.
Di una scrittrice del passato, Emilia Villoresi, traduttrice della serie di Bibi, aspettavo da anni notizie. Purtroppo il lavoro qui presentato non prende in esame i romanzi a me cari, ma le lettere che Karin Michaelis inviò alla sua traduttrice italiana sono di grande interesse storiografico. Peccato non avere quelle che scrisse la Villoresi. 
Anche Giuseppe Fanciulli è un autore di grande interesse, si leggeva fino a pochi anni fa, in catalogo per Giunti. Poi faremo elenco degli ottuagenari, Teresa Buongiorno, Vanna Cercenà, Milo Milani e rileggeremo Laura Orvieto e Beatrice Solinas Donghi. 
Tradizione e rinnovamento? Nani sulle spalle dei giganti. Come ci orientiamo? Cosa ci guida?



Grazia Gotti