La musica nei libri per ragazzi

Il numero estivo della rivista Andersen apre con una bella copertina di Michele Rocchetti dedicata al tema che attraversa le pagine, la musica. Tanti sono gli interventi che toccano diversi ambiti, un’occasione da non perdere per insegnati di scuole dell’infanzia e di primaria che possono orientarsi e trovare buone occasioni per sviluppare progetti.
Ho insegnato alla scuola elementare per un decennio, e come racconto in A scuola con i libri, ho dovuto insegnare anche musica, pur non sapendo suonare nessun strumento e non avendo assolutamente cognizione di didattica della musica, didattica dell’ascolto. Nel libro  racconto anche di una sera in cui Benedetto Croce, incontrando Roman Vlad, si scusa per il suo “non intendersene”.

Sappiamo quanto poco ce ne intendiamo tutti, e lo sottolineava Claudio Abbado nella introduzione del catalogo di una nostra mostra proprio dedicata alla musica e ai libri per ragazzi. Il Maestro metteva in rilievo come, invece, in Germania, in ogni comunità l’esperienza della musica e del canto, sia consuetudine. Ora che ci occupiamo di prima infanzia, prestiamo al linguaggio musicale una grande attenzione. Con i più piccoli abbiamo sperimentato diverse forme di approccio, costituendo anche una biblio-audio teca molto utile al gruppo delle educatrici.

È stato molto bello sperimentare il concerto marino che vedete nella foto. Il lavoro del duo ravennate composto da Arianna Sedioli e Luigi Berardi, che seguiamo dagli esordi è sempre di grande efficacia.

Grazia Gotti