La Memoria

Presso il Museo Ebraico di Bologna domenica è stata inaugurata la mostra dei disegni dei bambini del campo-ghetto di Terezin. Antonio Faeti ha raccontato che quei disegni erano già stati visti a Bologna, nel 1963, ed erano stati studiati da diverse figure, dagli psicologici ai pedagogisti della scuola di Giovanni Maria Bertin. Faeti ha titolato la sua densissima e arrabbiata lezione “Creare nell’orrore”, incitando tutti a studiare, non per celebrare la Memoria, ma per praticarla.
Tantissimo pubblico, in piedi, accalcato alle pareti e in fila all’esterno del Museo. La mostra è aperta fino al 2 marzo. Sulla memoria, da non perdere il post di Agata Diakoviez su Bruno.
Grazia Gotti