Pubblichiamo oggi un estratto dalla rivista Infanzia e Danza, in uscita per le edizioni Giannino Stoppani. Domani alle 17.30 al Teatro Testoni di Bologna, inaugura la mostra Sulle Punte e a Piedi nudi. La danza nella letteratura per ragazzi. Rassegna di libri italiani e stranieri e Figure Danzanti, mostra delle tavole originali di Anna e Elena Balbusso, Eva Montanari e Vladimir Radunsky.  Alle ore 21 prima dello spettacolo La Ballerina Cosmica. Qui l’invito con tutte le informazioni.
La redazione
È il grande ballerino Mikhail Baryshnikov che scrive il libro Because…, in catalogo per Atheneum Books. L’artista russo che durante una trasferta del corpo di ballo del Bolshoi chiese asilo politico in Canada e poi diventò cittadino statunitense, racconta una settimana come tante vissuta accanto ad una nonna che fa strane cose. Il segno di Vladimir Radunsky, grande interprete del visivo internazionale che condivide con Baryshnikov i natali russi e la scelta di diventare cittadino americano, coglie la nonna
mentre salta la cavallina, quando è alle prese con una scatenata break dance, o nel momento in cui, con la sua gonna nera a pois, si lancia in conosciuti passi di tip tap. È serena l’anziana signora disegnata, è morbida e tonda, agile anche se sovrappeso. Radunsky interpreta la sua voglia di movimento, lavora sul significato delle parole per dare ritmo alle illustrazioni di una grandmama dancer. Quello stesso ritmo che ritroviamo in Hip Hop Dog, il divertente testo nato dall’estro di Chris Raschka al quale Radunsky
aggiunge la sua raffinata ironia visiva, il suo personale  tocco espressivo, mettendo in pagina cani rapper. Tanti cani diversi delineati dal pennello di Vladimir, ognuno colto in movimenti perfettamente studiati, interpreti di una danza che ha la strada come palcoscenico e il mondo della street art come fondale ideale.
Silvana Sola