I segni che conservano il pensiero

E’ stato presentato ieri a Roma, alla presenza del Ministro della Cultura della Repubblica, questo bel libro edito dalla casa editrice milanese Carthusia. Composto a tre mani, il libro racconta la storia della scrittura e la storia del libro manoscritto. A Roberto Piumini sono state assegnate le narrazioni, otto racconti di timbro fiabesco e novellistico che narrano di saggi egizi e mule sagge, copisti fiorentini, e miniatori burloni, di re diventati scrittori, di commercianti onesti e disonesti, di biblioteche riempite a metri, del libro più sapienziale al modo. Adriana Paolini, dottore di ricerca in Storia della Chiesa medievale, catalogatrice di manoscritti, docente di Codicologia all’Università di Trento, ha curato la parte di divulgazione, ricca di documenti e di codici miniati. A Monica Zani sono affidate le illustrazioni. Libro utlilissimo per infiniti percorsi didattici, dovrebbe essere il capofila di tutte le scaffalature delle biblioteche scolastiche italiane, e indicato come un libro da curriculum se, come gli altri Paesi, considerassimo importantissima la presenza dei nella scuola. Ci auguriamo che il Ministro ne abbia comprate molte copie da inviare alle scuole, in attesa di una politica per l’istituzione delle biblioteche scolastiche.
Grazia Gotti