Giannino Stoppani a Montreuil

“L’Italia è il Paese ospite al Salone per ragazzi di Montreuil, dal 25 al 30 novembre, giunto alla venticinquesima edizione. A rappresentarla, illustratori e scrittori, da Altan a Roberto Innocenti, da Lorenzo Mattotti a Roberto Piumini, da Silvana Gandolfi a Beatrice Masini.” Così TTL de La Stampa di Torino, l’inserto libri più importante del Paese, annuncia il 25° salone di Montreuil di cui l’Italia è il Paese ospite; un piccolo riquadretto in alto a sinistra nella colonna delle news. ( Non tutti sanno dov’è Montreuil ed è pure sbagliato l’indirizzo mail)
Nemmeno un articolo, né la curiosità di capire e quindi di informare il lettore. Il Censis, a novembre, ci ha dato i numeri del calo dei compratori di giornali e riviste, forse il lettore merita più attenzione. Da anni si lavora perché l’Italia mostri il meglio di sé a Parigi e finalmente ecco l’occasione! Avrebbe potuto essere l’occasione per far capire anche agli Italiani quanta tenacia, resistenza e impegno sorreggano tutti quanti lavorano in questo settore.
Raffaele La Capria, sul Corriere della Sera, ha parlato delle maschere di un’Italia che resiste: Arlecchino, Pinocchio, Pulcinella. Proprio ad Arlecchino è dedicata una mostra francese che annovera illustratori internazionali e, ancora, cinque piccoli editori indipendenti hanno dedicato un album alla famosa maschera. L’accoglienza dei cugini francesi è davvero speciale! Librerie, biblioteche, gallerie parigine hanno dimostrato una disponibilità d’altri tempi, quando il lavoro culturale legava le persone e superava i confini. Da un lato ci sono le Istituzioni: l’AIE ( Associazione italiana editori, L’ICE ( istituto per il commercio estero,) Il Ministero, il Centro del Libro, che hanno reso possibile la presenza dell’Italia a Parigi. Accanto alle istituzioni c’è la Società Civile ( tutto maiuscolo), il mondo della piccola imprenditoria ( culturale), poi le persone, con le loro idee e le loro passioni a fare delle professioni un ambito importantissimo per lo sviluppo. Quando tutte queste categorie lavorano insieme il risultato è ottimo, i Grandi e i Piccoli, ciascuno con le proprie funzioni e competenze.
Per “leggere” dell’Italia a Parigi potete consultare i programmi Giannino Stoppani,Topipittori , Hamelin e il Salone. Il Sole 24 Ore, sul Domenicale di ieri, ha dedicato un articolo a firma Stefano Salis, un articolo documentato, molto istituzionale, dal piglio ottimistico. Niente su La Repubblica e il Corriere. Vedremo nei prossimi giorni. Noi abbiamo molti inviati, pertanto, rimanete in Rete.
Grazia Gotti