E se Van Gogh fosse stato un pirata?

Edito in Italia per Jaca Book, Il pirata dei colori, scritto da Christine Beigel e illustrato da Natacha Sicaud, racconta un inconsueto Vincent Van Gogh “pirata”.
Arrembaggi, scorrerie, mostri marini, bottini davvero speciali: agli ori dei forzieri, alle armi, alle stoffe preziose, lo strano capitano preferisce barattoli pieni di colore, spatole, spazzole e pennelli.
Le pagine dell’albo illustrato, a poco a poco, si riempiono delle soluzioni cromatiche del grande pittore olandese che, stanco del tanto dipingere, si concede il meritato riposo in quella camera nota in tutto il mondo: la stanza dove viveva ad Arles, dipinta nel quadro del 1889.
Christine Beigel, francese, traduttrice e poi autrice, sceglie una chiave narrativa atipica per parlare di uno dei più famosi artisti del mondo.
Le immagini del libro sono affidate a Natacha Sicaud, illustratrice molto attiva nel mondo del fumetto, formatasi tra Angoulĕme e Strasburgo.
“In mezzo all’oceano c’è una nave di terribili pirati…. All’improvviso, una piovra gigante spunta dagli abissi e taglia in vascello in otto pezzetti e solash! lancia un grande getto d’inchiostro. Tutto diventa nero… E’ la fine?”.
Un libro per piccoli lettori che, accompagnati dall’adulto, possono entrare nel mondo dell’arte e scoprire la strordinarietà e unicità dell’artista. 
Silvana Sola

Domani, giovedì 1 ottobre, ore 16, alla Libreria per Ragazzi Giannino Stoppani, in occasione dell’iniziativa Leggere l’arte. Arte e libri per Ragazzi, letture per bambini da 5 a 7 anni.
Legge Francesco Desideri, Accademia Drosselmeier
info 051 227337