Don Julio Einaudi Hidalgo Editorial

«Per un designer la collaborazione è sempre utile, spesso indispensabile. Un esempio. Quando ho progettato per Einaudi la collana ‘Tantibambini’ ho commesso, insieme però a tutto il comitato di redazione della casa editrice, l’errore di non interpellare un libraio (…)
Senza il necessario appoggio della rete di vendita ogni operazione editoriale corre seri rischi.
Fu una grande delusione ma anche una bellissima esperienza complessiva. E pensare che nacque quasi per caso. Durante una riunione del comitato di redazione mi accorsi, infatti, che tutti parlavano di libri per bambini confondendoli con quelli per ragazzi. Lo dissi, e Giulio Einaudi prese la palla al balzo.“Falla tu, allora, una collana di libri per bambini!” E io la feci.
Con Molina, che allora dirigeva l’ufficio grafico della casa editrice, studiammo una formula, si può dire, rivoluzionaria. Il libro non aveva cartonatura (che incideva molto sul prezzo di vendita) e il racconto cominciava direttamente dalla prima pagina-copertina. Non era questo il solo motivo di novità. Il racconto seguiva quasi sempre un taglio cinematografico che poteva essere con facilità capito dai bambini…”
Andrea Rauch, Il mondo come Design e rappresentazione, Usher Arte, 2009.
Nasce così “Tantibambini”: un insuccesso editoriale in quel momento, una meravigliosa riscoperta oggi.
Ed è nel piacere della riscoperta che proponiamo una mostra dedicata alla collana in occasione del centenario di Giulio Einaudi. Una mostra piccola, ospitata negli spazi della Libreria per Ragazzi Giannino Stoppani, un percorso visivo che riporta alla luce il lavoro di progettisti grafici che per la prima volta si provavano con un libro per bambini, quello di illustratori affermati, di scrittori noti e meno noti.
Libri esili, con punto metallico, che si proponevano di aiutare i bambini a capire un mondo popolato da uomini di plastica, da principi del petrolio, da maghi della finanza, ma anche da fate e streghe.
Accanto ai libri in teca che arrivano dalle Biblioteche di Biella e Pollone e dalla collezione privata di Marcella Terrusi (30 titoli sui 66 stampati), ci sono le edizioni Corraini che ci riportano Iris Colombo di Giancarlo Iliprandi, Giuseppe verde giallo rosso e blu di Pino Tovaglia, i Cappuccetti colorati e l’Alfabetiere di Bruno Munari.

Don Julio Einaudi Hidalgo Editorial, Mostra collana “Tantibambini” rientra nelle iniziative curate da Daniele Brolli e promosse dall’Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna per celebrare il centenario della nascita di Giulio Einaudi.
La mostra si apre il 18 novembre, alle ore 16, con un laboratorio condotto da Deborah Mosconi e Mattia Rosa, giovani progettisti, ex studenti ISIA, titolato Tantibambini, tanti libri, tanti giochi, ovvero una storia ovale. Laboratorio per caratteri giocosi (programma di Bologna Città dei Bambini in occasione della settimana dedicata ai diritti dell’infanzia).
”Muy querido y distinguido hidalgo editorial senor Don Julio Einaudi de Turin y Pinerol, marquesas de via Blancamano, mas duque que Del Duca, ecc..” così si rivolgeva a Giulio Einaudi Gianni Rodari in una lettera al suo editore. Al divertente tono del favoloso Gianni ci rifacciamo per il titolo della mostra.
Silvana Sola