Dentro la storia dell’Astronomia con Margherita Huck e Massimo Ramella

Era un giorno di marzo di tre anni fa e Margherita Hack a Casalecchio di Reno, nell’ambito delle iniziative del Premio Pippi, si rivolgeva ai ragazzi raccontando l’Universo, narratrice straordinaria, scienziata attenta alle scoperte scientifiche, all’etica e alla politica.
Si rivolgeva ai ragazzi per svelare i segreti del cosmo, ma li invitava anche a raccogliere un testimone ideale per essere parte attiva nella società, il testimone che l’anziano maestro lascia ai suoi discepoli.
Si è laureato con lei Massimo Ramella, è un astronomo e firma assieme a Margherita Hack il bel libro in catalogo per Editoriale Scienza, Stelle, pianeti e galassie, un viaggio nell’astronomia tra passati antichi e contemporaneità. Un libro che racconta l’armonia dei corpi celesti, le nebulose, le galassie, la rivoluzione scientifica, le esplorazioni. Un percorso dentro l’Universo con guide d’eccezione, pronte a svelare segreti, a rispondere a possibili domande.
Il libro, corredato di un ricco apparato iconografico, ci fa incontrare con Keplero e con Alexander Friedman, ci porta ad osservare le macchie solari, i pianeti rocciosi, ci parla di righe oscure e di buchi neri, ci mostra i grandi telescopi spaziali.
“Oggi la vastità e il numero di oggetti meravigliosi che l’Universo ospita continuano ad aumentare, ma l’aspetto più misterioso e affascinante è che ogni nuova osservazione potrebbe mettere in discussione tutto ciò che sappiamo…”
Silvana Sola