Con il disegno puoi fare tutto

Quando vidi Eddie Lee fra le pagine di un libro americano ritrovai in lui tutti i bambini down che avevo incontrato a scuola. Anche Virginia Fleming aveva incontrato bambini down in North Carolina e ad uno di loro ha dedicato un racconto ricco di sensibilità. Floyd Cooper ha poi dato le sembianze a Eddie, a mio avviso il più bel bambino down della letteratura per ragazzi. Un bambino bianco, dai capelli biondi, ritratto da Floyd, nero americano che nei suoi albi disegna bambini dalla pelle scura.

Il libro, pubblicato in Usa nel 1993, è stato da noi tradotto e pubblicato nel 2001, e grazie all’appoggio di associazioni di genitori di bambini down ha circolato in scuole e biblioteche.

In the Picture è una campagna di informazione che raccoglie tante adesioni fra gli scrittori e gli illustratori, una delle illustratrici più impegnate su questo progetto è Jane Ray, bravissima nell’accogliere angeli con le stampelle ricchi di colore e di vita, ed efficace nel rappresentare un saluto amichevole o amorevole con il solo tratto nero.
Di lei segnaliamo Biancaneve, un’ originale versione teatro-pop up della fiaba classica, in libreria da pochi giorni, fra le cui quinte appare un giovane principe dalla pelle scura. Le coppie miste sono da tempo accolte nei libri per bambini.

Grazia Gotti

“One good thing about illustration is that you can control the way you do it…It is not a separate strand – it is about disabled children being part of the make- up of the story, in the swimming pool or playground or wherever…”
QUENTIN BLAKE