Bum, bum, bum: storie di batticuori, paure, corse, desideri

Ci sono libri che ti fanno scoprire cose nuove e altri con cui condivi pensieri, senzazioni, fatti.
Una cosa che ti scoppia nel cuore, il libro di Anna Pavignano in catalogo per Topittori nella collana “ Gli anni in tasca” appartiene alla seconda categoria.
Anna racconta la sua infanzia e l’affacciarsi all’adolescenza attraverso la decrizione delle sue paure. Lo fa con garbo, passione, sottile umorismo.
Non sono stata una bambina particolarmente paurosa, ma nelle pagine del libro ho ritrovato pezzi dei miei ricordi infantili. E la lettura è diventata intima, amicale, complice.
Ho sofferto per le botte al cugino, ho corso per i corridoi della scuola urlando “Aiuto, i maschi”, ho sentito il vento sulla faccia in piedi sulla motoretta, e il disagio di un corpo che cambia.
Anna Pavignano racconta una vita impegnata ad essere ciò che gli altri le richiedono: una bellissima bambina perfetta, ordinata, composta, brava a scuola, timorosa e obbediente. E racconta quando alla perfezione si sostituisce il desiderio di realtà, la necessità di pensare con la propria testa, il bisogno di provare situazioni nuove e di sentire il cuore battere forte. Bravissima sceneggiatrice, ha scritto assieme a Massimo Troisi, per anni compagno anche nella vita, tutti i testi dei suoi film. Per il suo lavoro è stata candidata all’Oscar. Scrive per la radio, insegna scrittura cinematografica, e alterna i romanzi per adulti a proposte destinate a bambini e ragazzi.
Una cosa che ti scoppia nel cuore, saluta i suoi lettori con una piccola scritta che dichiara la grande generosità di Luisa Mattia.
Condivido anche questo.
Silvana Sola