Bernard Friot tra Mantova e Padova

Bernard Friot è, in questi giorni, a Mantova al Festival di Letteratura. Due gli incontri:
sabato 6 settembre, ore 10,30: “Storie per la testa e per il cuore”, presso l’Aula Magna dell’Istituto Carlo d’Arco e Isabella d’Este; domenica 7 settembre, ore 11,00: “Insegnare la lettura?”, al Palazzo degli studi – Liceo Classico Virgilio, incontro, quest’ultimo, che lo scrittore divide con Annalisa Strada (modera Simonetta Bitasi).
La discesa in Italia dell’autore francese non termina però a Mantova ma continua, presso la libreria Pel di Carota di Padova dove l’autore, martedì 9, terrà un corso sulla poesia. “A scuola di poesia” è rivolto a insegnati e adulti appassionati a rime, canti e poemi.
Un incontro che farà mettere le mani in pasta, che permetterà agli “allievi” di giocare con le parole, con la lingua, che ha come principale obbiettivo quello di provare, manipolare, inventare, imitare, elaborare, rabberciare… come dice lo stesso Friot, nell’introduzione della sua Agenda du (presque) poète.
Ma la festa continua giovedì 11, e di vera e propria festa si tratta: il 4° compleanno del “rosso” padovano. Per questo giorno, con l’ospite d’onore, Pel di Carota ha organizzato una “promenade” letteraria. Quattro tappe cittadine che ci faranno entrare nelle “stanze” della produzione dell’autore francese attraverso i suoi racconti, le sue poesie (in doppia lingua!) e i suoi albi. Gli invitati, ultima fatica italiana, edita dalla fiorentina Clichy, è infatti la fonte d’ispirazione dell’intera giornata. Ogni tappa della promenade sarà dedicata ai diversi ambienti della casa: il giardino vissuto soprattutto dagli animali, la prima stanza, la sala dei bambini (animato dalle poesie con gli stessi bambini!), la cucina e il bagno…
In libreria, continua poi la festa, dopo la lettura della storia dell’ospitale signora Elena, illustrata da Magali Le Huche.
Non mancate, se siete nei paraggi!
David