Bambini, topi, creatività

Domenica 28 aprile sul Sole 24 Ore Marco Carminati firma la presentazione di un’iniziativa promossa dal Museo Guggenheim e da OVS (Coin) e rivolta a tutte le scuole primarie d’Italia.
Il binomio Arte-Moda suggeriva ai ragazzi, agli insegnati, ma anche ai genitori, percorsi per stimolare la creatività e invitava alla creazione di manufatti. Questi manufatti sono poi stati esposti nelle sale del celebre museo fino al 6 maggio. Una scuola di Napoli, per la massiccia partecipazione al progetto, si è aggiudicata il premio che consiste in dieci tablet forniti da un’azienda produttrice.
Non sono andata a vedere la mostra ma la rete consente di farsi un’idea dei risultati del progetto.
Nello stesso giorno ho preso in esame il libro Mousterpiece. A mouse-sized guide to modern art, un libro d’arte per bambini, che ha per protagonista una topolina, opera di Jane Breskin Zalben. L’autrice  ha dedicato il suo lavoro alla mamma che l’accompagnava al Metropolitan Museum of Art per prendere lezioni e ha chiamato Janson la sua piccola protagonista in onore di H.W. Janson, autore di History of Art, la bibbia che gli studenti al college dovevano memorizzare, figura per figura, dalla preistoria alla metà del Novecento. E la domanda che facevamo a noi stessi, racconta Jane, era “Why is this art?”.
Nel blog della cara Julie, Seven impossible things before breakfast, trovate una bella intervista a Jane Breskin Zalben, nella quale appare Venezia e proprio il museo della signora americana alla quale la scrittrice italiana Sabina Colloredo ha dedicato il bellissimo racconto Un’ereditiera ribelle.
Fra gli artisti presentati da Jane, molti dei quali conosciuti al grande pubblico, ne appaiono di meno conosciuti quali Albers, Stella, Oldenburg, Close e Motherwell.

Sto seguendo un Lab con la straordinaria papirologa Clementina Mingozzi e i bambini di una scuola primaria bolognese, li vedo al lavoro, seguo le loro mani in azione, mi lascio sorprendere dalle loro domande, dalle loro ipotesi, mi stupisco dei loro risultati.
Non mi succede questo passando in rassegna le immagini dei manufatti della mostra veneziana, perché? 
Grazia Gotti

Clementina Mingozzi

Maestra Roberta, Scuole Dante Drusiani di Bologna