Untitled Post

Alzarsi dal letto la mattina e riordinare i cassetti? Tagliare il prato un po’ troppo alto? Lavarsi bene bene i denti e, perché no, lavare bene bene anche l’auto di papà? Non sono cose che fanno per Lincoln Green!
Il piccolo Lincoln ha troppo da sbrigare: c’è il pisolino pomeridiano, il girotondo sul bordo scivoloso della piscina e mille bottiglie di bibita frizzante da scolare!
Ai compiti noiosi impartiti dalla mamma ci pensa… Lincoln-sa-chi. Qualcuno che gli somiglia perfettamente. Un clone. SNAP! Nemmeno la sua stessa mamma saprebbe notare la differenza tra lui e Lincoln-sa-chi.
Ma, se un Lincoln preferisce bighellonare, anche il suo alter ego non è da meno. E così, davanti ad uno steccato un po’ troppo lungo che dev’essere ASSOLUTAMENTE ridipinto di bianco, Lincoln-sa-chi cede alle lusinghe della progettazione di un Club-qualsiasicosa-su-nel-cielo insieme ad un amichetto.
…E i lavoretti di casa, dunque, a chi toccano?

Standing in for Lincoln Green, edito in Inghilterra dalla HarperCollins Children’s Books, è il terzo libro che vede David Mackintosh nel ruolo di scrittore-illustratore. E’ un coloratissimo hardcover di 32 pagine, riempito di tutti quei dettagli che popolano anche le camerette dei giovani lettori.
Con un tratto infantile, ma studiatissimo, tra matita fluida e lineare e caotico collage di carte acquerellate e piccoli elementi digitali, Mackintosh lascia uscire da un grande specchio ovale la figura piccola e paffutella di Lincoln-sa-chi. Ma anche Lincoln Green stesso riesce a saltellare fuori dalle pagine, con la stessa indole giocosa e un po’ nullafacente dei bambini.
Bianchi narrativi ed elementi caoticamente ripetuti si alternano tra passatempi e compiti da svolgere, ricordando lo stesso gioco “a rovescio” tra Alice Liddel e la poesia del Ciarlestrone letta attraverso lo specchio.
Mackintosh si occupa anche del lettering, bizzarro e grafico, capace di rendere lo stesso tono colorito ed esagerato dei bambini che devono obbedire SUBITISSIMO agli ordini della mamma, ma che sognano di poter passare tutto il giorno nel loro CLUB SEGRETISSIMO con gli amici.
Una lettura piacevole e una preziosa collezione di immagini, per insegnare sia ai grandi che ai piccini che, molto spesso… chi fa da sé, fa per tre.
Francesca Farinelli